Around the World

Cosa vedere a Wroclaw in 3 giorni

wroclaw
Piazza Rynek - Ilaria Cozzolino ©

Wroclaw è considerata una delle città più belle della Polonia che, nel 2018, ha vinto l’European Best Destination.

Questa – conosciuta anche come Breslavia – ha cambiato ben cinque nomi nel corso della storia ed ha subito le barbarie del nazismo e decenni di comunismo russo. Attualmente, Wroclaw si presenta come una città universitaria e, di conseguenza, giovanile.

Approfittando delle offerte del weekend, ho deciso di trascorrere tre giorni in questa fantastica città.

Cosa vedere? Ecco la mia lista!

1. Piazza Rynek o Piazza del Mercato

Il cuore della città è Piazza Rynek o Piazza del Mercato. Qui potete ammirare lo stile degli edifici, che per il 70% sono stati distrutti durante la Seconda Guerra Mondiale e poi ricostruiti secondo lo stile del classicismo e del barocco. Questi sono 60 ed ognuno di loro ha uno stemma sulla facciata, che rappresenta la sua storia.

wroclaw
Piazza Rynek – Ilaria Cozzolino ©

2. Municipio Ratusz

All’interno di Piazza Rynek c’è il Municipio Ratusz. In stile gotico, sulla facciata presenta il famoso orologio astronomico risalente al 1580. Non dimenticate di passare lì a mezzogiorno, quando ai rintocchi escono due statuine ai lati!

wroclaw
Municipio Ratusz – Ilaria Cozzolino ©

3. Isola della Cattedrale e Cattedrale di San Giovanni Battista

A lasciarvi senza fiato sarà anche la Cattedrale di San Giovanni Battista. Le sue due torri imponenti sovrastano la cosiddetta Isola della Cattedrale (Tumski). Qui, se siete fortunati, al crepuscolo è possibile incontrare il “latarnik”, l’addetto che accende gli antichi lampioni a gas, presenti oramai solamente sull’isola. Per essere sicuri di poter assistere a questo evento, d’inverno vi conviene essere lì per le 16:00 e in estate verso le 21:30. Lo stile del latarnik è davvero particolare: mantello e bombetta nera richiamano lo stile inglese del XIX secolo.

wroclaw
Cattedrale di San Giovanni Battista – Ilaria Cozzolino ©

4. Ponte della Cattedrale

Detto anche Ponte dell’amore, le sue inferriate sono piene di lucchetti come sul Ponte Milvio a Roma, dove è iniziata questa usanza. Oltre agli innamorati, il ponte è uno dei soggetti preferiti del posto, per quadri e fotografie. Ai lati vi sono due statue gotiche e non dimenticate di scovare lo gnomo sul lampione!

wroclaw
Ponte della Cattedrale – Ilaria Cozzolino ©

5. Hala Targowa – Mercato Coperto

Il mercato al coperto di Wroclaw è forse l’emblema della città. Costruito su due piani, con arcate di ferro, ospita bancarelle di frutta e verdura, banconi per la vendita di carne e salumi, bar e luoghi in cui consumare cibo a prezzi davvero convenienti, sartorie e calzolai. Al piano superiore, mi ha particolarmente colpito un ragazzo che scattava foto col dagherrotipo per poi venderle – difatti, se ci passate, non esitate a farvi catturare dalla sua particolare macchina fotografica!

wroclaw
Hala Targowa – Ilaria Cozzolino ©

6. MWW – Museo di Arte Contemporanea

Per gli amanti dell’arte, consiglio vivamente il Museo di Arte Contemporanea. Prendete un Uber poiché il museo è situato un po’ lontano del centro. Personalmente ci sono andata a piedi, ma solo perché avevo voglia di camminare. La sua struttura circolare rende particolari gli allestimenti. Al piano terra ci sono due sale, in una delle quali vi è una mostra provvisoria gratuita. Per accedere, invece, dal primo piano in poi c’è bisogno di fare un biglietto (10 złoty).

wroclaw
Museo di Arte Contemporanea, esposizione temporanea di Ignacy Czwartos – Ilaria Cozzolino ©

7. Sky Tower

Vedere la città dall’alto non ha prezzo in merito ad emozioni! Il biglietto per questo bellissimo panorama costa 18 złoty. Ogni ora c’è la possibilità di salire al 49esimo piano con gli addetti, ma ricordate di rispettare l’orario scritto sul biglietto oppure sarete costretti a rifarlo (potreste ricevere un categorico “NO” al vostro pregarli di poter accedere alla Sky Tower con un biglietto “scaduto”).

wroclaw
Sky Tower – Ilaria Cozzolino ©

8. Cercare gli Gnomi!

Anche se può sembrare un gioco, gli oltre 300 gnomi presenti a Wroclaw hanno una lunga storia, legata al movimento Alternativa Arancione (movimento anti-comunista). La propaganda avveniva tramite scritte sui muri, che venivano continuamente cancellate dal governo. Nonostante ciò, vi fu addirittura “la rivolta degli gnomi”: il 1 giugno 1988 le strade di Wroclaw furono invase da persone con cappelli da gnomi. Dal 2005 sono apparsi così tanti gnomi che adesso esiste addirittura una mappa!

wroclaw
Gnomi – Ilaria Cozzolino ©

About the author

Ilaria Cozzolino

Aggiungi un commento

Click here to post a comment

Instagram

Instagram has returned empty data. Please authorize your Instagram account in the plugin settings .
Booking.com